Parasite – Il film sud coreano vincitore di quattro premi Oscar

Parasite – Il film sud coreano vincitore di quattro premi Oscar

20 Febbraio 2020 0 Di Federico

Parasite grazie alla vincita di quattro Oscar sicuramente è il film del momento. I protagonisti di Parasite sono i componenti di una povera famiglia sud coreana, che astutamente riescono ad infiltrarsi e a sfruttare come “parassiti” una famiglia alto borghese.

Diretto del regista Bong Joon-ho, è entrato nella storia perché è il primo film sud coreano, che oltre ad aver vinto la Palma d’oro a Cannes, agli Oscar ha vinto quattro premi: Miglior film, Miglior regia, Miglior sceneggiatura originale e Miglior film internazionale. Merita ulteriormente l’attenzione perché per la prima volta all’Academy vince un film in una lingua diversa dall’Inglese.


Cos’è Parasite?

Potremmo definirlo come una commedia drammatica, dalle venature noir, disturbante, ma anche ironica. Come in Joker – un altro grande film del 2019 – viene messo in risalto il disagio delle classi più povere, l’ingegno che devono avere per sopravvivere in una società capitalista fino all’osso, che spinge le persone a comportamenti fuori da ogni regola morale.

Parasite è l’astuta lotta di classe, senza violenza. La rivincita, senza vincitori, degli emarginati che non si arrendono. Parasite è finzione. E’ una laurea falsa. Lavori e competenze inventate inserite in un curriculum. Tutto per un unico motivo: sopravvivere in una società sempre più competitiva. Perché quando fai parte delle classi sociali più povere, dimenticato dal sistema, devi contare solo su te stesso e sull’antica “arte di arrangiarsi”.


Trama

La famiglia Kim è rispettivamente composta da: Ki-taek il padre, Chung-sook la madre ed infine Ki-jeong e Ki-woo che sono rispettivamente figlia e figlio ventenni. La famiglia è molto unita, ma sono tutti disoccupati e sembrano condannati ad un futuro sconfortante. Vivono in un seminterrato fatiscente con il sussidio di disoccupazione, scroccando il wi-fi dal vicino e convivendo con insetti di vario tipo.

L’occasione d’oro arriva quando un amico di Ki-Woo, studente in una prestigiosa università, gli propone di sostituirlo per dare ripetizioni di inglese a Da-hye, figlia adolescente della ricca famiglia Park.

Il giovane inizia falsificando una laurea e inventandosi competenze pur di ottenere il posto. Una volta ottenuto il lavoro ed essersi guadagnato la fiducia della famiglia Park decide di inserire anche gli altri membri della famiglia. Vedendo che il fratello minore di Da-hye ha dei problemi e una forte propensione per l’arte gli consiglia la sorella, finta laureata in arteterapia. Poi, in un crescendo di finzione, sarà il turno del padre che otterrà il posto di autista privato ed infine della madre, che prenderà il posto della domestica.

Inizia così la (dis)avventura della famiglia Kim per sfruttare la ricchezza dei Park.