Ozark – La nuova Breaking Bad? Ancora troppo presto per dirlo

Ozark – La nuova Breaking Bad? Ancora troppo presto per dirlo

7 Ottobre 2019 0 Di Federico

Ozark, ha suscitato l’attenzione dei più accaniti fan di serie tv, perché spesso è stata etichettata come la nuova Breaking Bad. Avendo visto le due stagioni disponibili, posso dire fin da subito, che a parte qualche leggera similitudine, sono due serie molto differenti. Sicuramente è una serie che merita, ma è ancora troppo presto per potersi esprimere e azzardare paragoni. Le basi ci sono, non resta che vedere come evolveranno le prossime stagioni.


Gli affari illeciti della famiglia Byrde

Ozark ruota attorno alla vita di Marty Byrde, un consulente finanziario di Chicago, che deve riciclare il denaro sporco di un cartello messicano. Marty deve guadagnare la fiducia del cartello per salvare la sua vita e quella dei suoi famigliari, dopo che il suo socio è stato sorpreso rubare parte dei guadagni. L’unico modo che il consulente finanziario ha per sopravvivere, è promette al suo cliente che riavrà i suoi soldi e che riuscirà inoltre, ad arrivare dove nessun cartello era mai arrivato prima: costruire un casinò per riciclare gli introiti illeciti.

La famiglia Byrde si trasferisce ad Ozark. Una sperduta e tranquilla cittadina turistica, dove Marty  rileva alcune attività commerciali e pone le basi per la creazione del casinò. Nel progetto, saranno coinvolti la moglie Wendy e i suoi due figli Charlotte e Jonah. Tutti i famigliari sono a conoscenza degli affari illeciti del padre e hanno piena fiducia in lui.

La moglie Wendy, è una figura interessate e da tenere sotto controllo. Avendo gestito campagne presidenziali, è un’abile stratega. Manovra i fili della classe politica locale e giocherà un ruolo sempre maggiore. Diventando cruciale nella seconda stagione. Muoverà i suoi passi nell’apparato politico, tra favori e mazzette, portandone allo scoperto il marcio e la corruzione dilagante che si sviluppa a tutti i livelli.

La realizzazione del progetto, non sarà affatto semplice. A differenza di quello che si poteva pensare, Ozark dietro la sua tranquillità nasconde delle insidie. Marty dovrà scontrarsi con la famiglia degli Snell, che gestisce da generazioni il traffico di eroina ed è proprietaria del terreno in cui sorgerà il casinò. Per mantenere calme le acque, si deciderà di farli entrare in società per la realizzazione del casinò. Ad intralciare ulteriormente i piani, ci sono anche la mafia locale, un gruppo di delinquenti che vogliono mettere le mani sui soldi del cartello e l’FBI, che attraverso un’infiltrato sta cercando di incastrare Marty e le persone coinvolte nei suoi affari.


Parola d’ordine: Mai perdere il controllo

In Ozark, il protagonista Marty Byrde sembra avere in qualsiasi momento la situazione controllo nonostante con tutti gli imprevisti del caso. E’ sempre stranamente tranquillo e non perde mai la lucidità, nemmeno quando scopre il tradimento della moglie o che la sua vita è in pericolo. A volte sembra un automa, privo di emozioni, sempre pronto a rassicurare chi gli sta intorno.

La moglie Wendy, è la tipica donna calcolatrice e spietata, nascosta dietro un’immagine di tranquilla madre di famiglia. Lentamente si lascia ammaliare dal potere volendone sempre di più e mostra tutta la sua crudeltà e astuzia per raggiungere gli obiettivi prefissati.


Per chi non avesse visto Breaking Bad

Il protagonista è Walter White, un professore di chimica che che scopre di avere un tumore. Inizia a produrre metanfetamine per potere garantire un futuro dignitoso alla sua famiglia, ma si ritrova coinvolto in un vortice di eventi, che lo porteranno a diventare un cartello della droga. Nella sua impresa, cercherà di tenere sempre un profilo basso, tutelando e tenendo allo scuro dei suoi affari la famiglia.

Walter White inizialmente è impacciato, non sa come gestire al meglio le situazioni ed è costretto ad improvvisare. Trasmette allo spettatore la mancanza di tranquillità, alimentando la suspense e rendendo imprevedibile la narrazione.

Già da questa breve trama si può capire come le due serie, seppur abbiano qualche elemento in comune, siano molto differenti tra loro.


Conclusioni

Ozark, di cui ne è stata confermata la terza stagione, è una serie che merita di essere vista e che nelle stagioni a venire ha molto da dare e molti piani su cui evolversi. Il finale della seconda stagione, ci porta a pensare che le cose cambieranno drasticamente, e che vedremo la moglie Wendy prendere le redini della situazione.

A mio parere, Ozark fatica ancora ad avere l’attenzione che merita. Magari tra qualche anno e con qualche stagione alle spalle verrà riscoperta e avrà il giusto riconoscimento.